Vai al contenuto

Fermati e rifletti

Dante Gabriel Rossetti, Rêverie, 1868, fotografia

Pubblichiamo questa lettera inviataci da una giovane studentessa

Fermati e rifletti

Ci avete chiamato: “sorci, ribelli, senza cervello, idioti, egoisti, cretini, parassiti”. Ci avete detto che siamo persone da rinchiudere in un campo di concentramento, da mettere su un carro bestiame.  Alcuni medici e infermieri hanno detto: “Farò di tutto se un novax è ricoverato per farlo morire, togliendogli il respiratore”. Avete proposto di non invitare i novax alle cene di Natale, perché pericolosi e untori. Ci avete lanciato gli idranti addosso, ci avete definito ” fascisti e violenti”, ci avete quasi negato la possibilità di manifestare, ci avete sospeso dal lavoro e dalla vita sociale. Ci avete messo gli uni contro gli altri, in nome di un bene superiore. Avete proposto di farci mettere un segno distintivo al braccio, così da riconoscerci. All’estero come in Australia, veniamo chiusi in campi di contenimento, ma siamo sempre e solo noi quelli che sbagliano, quelli che fanno paragoni con la storia, quelli che credono a chissà cosa e a chissà chi, vero?

Dietro tutti questi insulti gratuiti detti da virologi, giornalisti, politici, medici, ci sono persone, cittadini italiani, giovani e lavoratori. Tutto questo odio per cosa? Per una scelta libera, che nessuno, che nessuna legge, ancora per il momento, ci impedisce di fare. Tutto questo odio verso una minoranza deriva da quella propaganda televisiva e giornalistica, pagata fior e fior di soldi dalla politica, che rende l’informazione, “meno democratica”, unilaterale, non libera e non imparziale.

Tutto questo odio e confusione, derivano dalle continue menzogne che da 2 anni stiamo ascoltando, dette da parte di chi ci sta guidando e a cui la maggioranza crede, senza magari avanzare dubbi. Sì, perché il covid esiste, è pericoloso, ma “Loro” ne stanno ampiamente approfittando.

Hanno promesso libertà, meno restrizioni, la normalità, introducendo dei lasciapassare, presentandoli come la: “garanzia di ritrovarsi tra persone che non sono contagiose” nonostante a livello scientifico si sia dimostrato che anche chi dispone di questi lasciapassare sia contagioso e ammettendo che tutto questo durerà, ancora, per anni.

Incolpano la minoranza di tutto il male, mentre loro boicottano cure che potenzialmente e dopo due anni, quasi certamente, possono salvare vite. Dicono di non aver avuto un piano pandemico, quando in realtà esisteva (andava solo aggiornato), chiedendo continui sacrifici al popolo.

Hanno confidato in un’unica arma per sconfiggere un nemico potentissimo, nascondendo tutte le altre e vi hanno mandato in prima linea, dicendo che sarebbe finita presto e che sicuramente avreste vinto. Ora siete alla terza battaglia, e probabilmente ce ne sarà una quarta. Quando vi accorgerete che con un’arma sola non si vince la guerra? “È colpa di chi non ha partecipato se facciamo fatica a vincere”.

Ma come? Non avevate a vostra disposizione un’arma devastante? Come mai la guerra non è ancora finita? Forse vi siete accorti che quest’arma non è così forte come si sperava e allora prima di ammetterlo, si cerca un capro espiatorio e gli si addossa tutta la colpa. È così che funziona da sempre, se quello in cui si confida, non funziona come si era sperato, prima di cercare delle alternative ed ammettere i propri errori, si incolpa l’altro, il diverso e lo si fa apparire come sbagliato e pericoloso.

In tutto ciò, vi siete mai chiesti chi è il diverso? Chi è il novax? Il no greenpass? Il no booster? È vero c’è chi ha teorie strane, c’è chi va con un braccio in silicone all’hub vaccinale, ma c’è anche chi dal covid è guarito e ha anticorpi altissimi e ne rischierebbe un sovraccarico come numerosi studi dimostrano. C’è chi ha patologie pregresse e ha dei dubbi, c’è chi ha gravi allergie e ha paura, perché l’esenzione viene rilasciata in casi molto molto particolari. C’è chi sa che il covid è una malattia pericolosa, ma che se curata, non è così grave e dopo due anni le cure ci sono. C’è chi sa che tutti quei ricoveri e morti, derivano da “tachipirina e vigile attesa”, unico protocollo utilizzato e mai cambiato, deciso dal ministro della Salute e per il quale ora è sotto inchiesta. Ci sono i familiari delle vittime che si sono fidati della scienza e ora si ritrovano senza un figlio, senza un marito o una moglie o  amici.

C’è chi ha fatto il siero, ma ha avuto reazioni avverse gravi e nella maggior parte dei casi è abbandonato dallo stato e dalle istituzioni mediche. C’è chi ha capito che il greenpass non è una misura sanitaria ma politica, perché a livello sanitario, a contrario di quanto detto, non garantisce nessuno. Si, mi direte, i benefici superano i rischi e probabilmente è anche vero, ma momentaneamente, perché voi stessi avete firmato che non si conoscono i danni a lungo termine. Quindi, forse sconfiggeremo il covid, ma a quale prezzo?

Nel 2021 dove tutti lottano per essere liberi di potersi esprimere e combattono la discriminazione, è normale essere così ipocriti e non accorgerci che anche questa lo è? Se combattiamo una forma di discriminazione, dovremmo combattere per la discriminazione in generale o quanto meno accorgerci di quando viene applicata e fare di tutto per contrastarla. All’inizio dicevamo che alla fine ne saremmo usciti migliori. Beh, vedendo come vanno le cose, credo che la fine sia lontana.

Caterina Furlan

20 commenti su “Fermati e rifletti”

  1. Continuando sul finale della tua lettera, Caterina, ieri sera riascoltavo Battiato e la sua Povera Patria; lui, profeta nel ricordarci che “non cambierà”. È ciò che è per me più amaro è credere a quelle parole, sentire che descrivono un “mondo d’essere” che è così costitutivamente, un eterno ripetersi di storie e Storia che spoglia di forze le mie lotte e resistenze di oggi.

  2. Giuseppe Mario Monforte

    Sì, sì, ma ci sono due errori: il primo è il tono di lamento subalterno che dà a intendere “ma lasciteci liberi di decidere”; il secondo, pesante, è dato da quel “il covid esiste, è pericoloso”, attestando la subalternità – il covid non esiste (mai stato colto e isolato), è solo uno dei continui esosomi informativi del nostro organismo, non è “causa” né “contagio” di niente, né esistono la pandemia (inventata, fin dall’inizio) e lo stato di emergenza (maschera del colpo di Stato, fin dall’inizio).
    Dopo due anni lo si deve ancora spiegare (è stato ampiamente detto e dimostrato): che bsttaglia si pensa di fare con posizioni come queste? Come contrastare così i criminali golpisti? E come fronteggiare i covidioti, di cui si accetta il terreno demenziale?

    1. Con questo articolo, non intendevo fornire soluzioni o altro. Ho solo messo in evidenza quello che sta accadendo. Se prima non si fa luce, la polvere non la si toglie. E come si fa luce in questo caso? Dicendo le cose dal nostro punto di vista, facendo notare come ci hanno e come ci stanno trattando per un bene superiore, non bene conosciuto. Ma a chi? A quelli che ancora vivono nel buio. Insieme possiamo e dobbiamo. La prima battaglia è questa

    2. Ero un po’ infastidito dal tuo commento – e dai, siamo tutti dalla stessa parte – e poi sono andato a controllare cosa sono gli esosomi, e mi si è aperto un mondo immenso interessantissimo e importantissimo nel contesto della pandemia, di cui non sapevo assolutamente nulla, e sono persino un giornalista che si occupa di patogeni, giuro.
      Secondo me sarebbe più interessante e produttivo se parlassimo di queste cose invece che stare a guardare il livello di subalternità di chi dice cose altrettanto interessanti e “vere” come Caterina, che ringrazio per la bellissima lettera.

      -saluti dalla campagna.

  3. Questa lettera dovrebbe essere pubblicata non con un link che pochi aprono, ma come documento a futura memoria.
    Faccio i miei complimenti più sinceri a questa studentessa, per quello che vale le chiedo perdono come italiana, anziana…
    La mia generazione ha lottato strenuamente contro il Sistema governativo che vige in Italia da troppi anni, una minoranza può aprire qualche piccolo fossato ma non riesce a far confluire il buon senso in una maggioranza di opportunisti che dal Sistema ha tratto, profitto, privilegio, opportunità affaristiche anche di infimo livello, per non dire mafioso livello..
    È la realtà dello Stato italiano.
    Una realtà che soltanto dalla vostra rivoluzione potrà realmente cambiare.
    Cordiali saluti…

    1. Grazie mille a lei signora per aver da sempre difeso valori e lottato per essi. Noi continuiamo e continueremo! Un saluto ☺️

  4. Ciao, premetto che sono un “pro vax” che cerca un confronto e non ho intenzione di offendere nessuno ma, avendo per caso letto questa lettera, vorrei rispondere su diverse questioni emerse nello scritto che commenterò citando esattamente i punti:

    “Farò di tutto se un novax è ricoverato per farlo morire, togliendogli il respiratore”.

    Questo pensiero, se è stato espresso, non rappresenta assolutamente il pensiero comune che la maggior parte degli operatori sanitari ha sui no vax, visto che a oggi sono la maggior parte all’interno delle terapie intensive e vengono curati per essere salvati in tutti i modi. Quel pensiero è un pensiero condannabile ed è condannato da chi è civile. Dunque non rappresenta politicamente assolutamente nulla, è il pensiero di una persona.

    “Ci avete lanciato gli idranti addosso, ci avete definito fascisti e violenti”

    La sede della CISL è stata effettivamente assaltata da un corteo no vax, che siano stati soprattutto gli estremisti di destra credo sia ovvio, comunque la violenza c’è stata e anche in altri momenti, assolutamente documentati, e si è notata violenza, soprattutto nei riguardi di quei giornalisti che intervistavano aderenti ai cortei. Significa che tutti i no vax sono violenti? No… però molti lo sono stati.

    “Tutto questo odio per cosa? Per una scelta libera, che nessuno, che nessuna legge, ancora per il momento, ci impedisce di fare.”

    Per legge non siete obbligati a vaccinarvi, però nessuno vi esonera dal ricevere un giudizio politico quando voi siete i primi a formularne uno ed estremamente accusatorio nei riguardi di tutto il sistema governativo. Siete voi i primi a odiare e puntare il dito.

    “Tutto questo odio verso una minoranza deriva da quella propaganda televisiva e giornalistica, pagata fior e fior di soldi dalla politica, che rende l’informazione, “meno democratica”, unilaterale, non libera e non imparziale.”

    Non siamo in una dittatura. Avete visto cosa sta succedendo in Kazakistan o in Cina a Honk Kong o in qualsiasi altra nazione con un dittatore? In Italia ci sono molti partiti, molte testate giornalistiche e c’è una corte costituzionale… credere che ci siano pochi burattinai a decidere della verità ufficiale ai livelli di una distopia Orwelliana è ridicolo. Ma poniamo per assurdo che sia così? Dove sono le prove?

    Quando abbiamo smascherato la P2 c’erano prove… quando abbiamo smantellato tangentopoli c’erano prove… quando abbiamo indagato su Riina c’erano prove… adesso che stiamo indagando sullo scandalo ENI ci sono prove… e potrei continuare all’infinito. Se esiste veramente questa subdola mano oscura che controlla tutta l’informazione “mainstream”, dove sono le prove di ciò? Perché poi le prove devono essere “prove”… non congetture, non opinioni di qualcuno… ma solo fatti accertati in modo inequivocabile.

    “Hanno promesso libertà, meno restrizioni, la normalità, introducendo dei lasciapassare, presentandoli come la: “garanzia di ritrovarsi tra persone che non sono contagiose” nonostante a livello scientifico si sia dimostrato che anche chi dispone di questi lasciapassare sia contagioso e ammettendo che tutto questo durerà, ancora, per anni.”

    Questo virus è simile al raffreddore: non ci si immunizza mai ma si può guarire ogni volta. E’ vero che tutti possono potenzialmente essere contagiosi ma tra vaccinati la contagiosità è più bassa perché si guarisce prima e tra vaccinati c’è il minor rischio possibile di finire ospedalizzati e nel peggiore dei casi morire. Cioè non si può utilizzare una logia “aristotelica” vero/falso ma si deve utilizzare quella statistica!

    E alla domanda: “quale è la situazione di assembramento con minore probabilità di arrecare danno al prossimo?” La risposta più ovvia è quella gestita tramite green pass perché assembra persone vaccinate, che guariscono prima (e dunque sono meno contagiose) e che con minore probabilità andranno a finire in ospedale. Fare altrimenti mette a repentaglio la vita di chi non è vaccinato e permette ai non vaccinati di propagare con più facilità il virus perché rimangono contagiosi per un tempo maggiore.

    A prova di questa cosa basta osservare il calo drastico di morti rispetto a 12 mesi fa nonostante la Omicron sia estremamente più contagiosa… però voi non credete alle informazioni che non superano il vostro “bias di conferma” e dunque… aspettiamo le prove del complotto sperando che finiscano le “opinioni”.

    “Incolpano la minoranza di tutto il male, mentre loro boicottano cure che potenzialmente e dopo due anni, quasi certamente, possono salvare vite.”

    La comunità scientifica mondiale(…) si confronta da sempre e le soluzioni che si stanno adottando sono le migliori in base a studi confermati con paper review, in base a dati scientifici. Disponete di paper con paper review che dimostrano il contrario? O parlate secondo opinioni di qualcuno? Insomma queste prove scientifiche dove sono? Tutte le prove, i paper scientifici, che sono pubblici, raccontano altre verità… ma voi ovviamente direte che tutta la documentazione scientifica mondiale è stata corrotta dai poteri forti… come se fosse la cosa più facile del mondo riuscirci… come se questo “male” non avesse alcun limite di potere: una dittatura planetaria.

    “Dicono di non aver avuto un piano pandemico, quando in realtà esisteva (andava solo aggiornato), chiedendo continui sacrifici al popolo.”

    Tutto il mondo si è trovato impreparato alla pandemia e sicuramente ci sono delle colpe… ma non sono colpe macchiate di “malizia” ma sono solo la conseguenza del fatto di sottovalutare umanamente le problematiche più rare, come succede per i terremoti per esempio.

    “Hanno confidato in un’unica arma per sconfiggere un nemico potentissimo, nascondendo tutte le altre e vi hanno mandato in prima linea, dicendo che sarebbe finita presto e che sicuramente avreste vinto. Ora siete alla terza battaglia, e probabilmente ce ne sarà una quarta. Quando vi accorgerete che con un’arma sola non si vince la guerra? “È colpa di chi non ha partecipato se facciamo fatica a vincere”.”

    La pandemia è stata una sfida per la scienza e il fatto di trovare in così poco tempo dei vaccini che hanno permesso di diminuire drasticamente il numero di morti da covid: un miracolo… miracolo conseguenza della ricerca concorrente che ha coinvolto tutta la terra e di una quantità di flusso di denaro immensa proveniente da tutte le nazioni.

    Sono in arrivo antivirali e la seconda generazione di vaccini e tutte queste soluzioni sono state studiate dalla comunità scientifica mondiale che fa mutuo controllo di se stessa, altrimenti i farmaci non possono essere commercializzati. Dunque la tesi che racconta che non si voglia ascoltare le soluzioni di qualche istanza scientifica sono false:

    si controllano tutti gli studi e passano solo quelli che statisticamente funzionano. Ma poi: perché fidarsi ciecamente delle altre soluzioni di cui voi dite di avere consapevolezza? Perché sarebbero più sicure di altre? Secondo quale vostro personale criterio? Perché non potrebbero essere giudicate anch’esse come “poco funzionali”? Solo perché escono fuori dal coro dovrebbero essere sicuramente più efficaci? E siamo sempre li… dove sono le “prove”? Quando si esce dalle sole opinioni? Quando e come si esce dal “cherry picking”?

    “Ma come? Non avevate a vostra disposizione un’arma devastante? Come mai la guerra non è ancora finita? Forse vi siete accorti che quest’arma non è così forte come si sperava e allora prima di ammetterlo, si cerca un capro espiatorio e gli si addossa tutta la colpa. È così che funziona da sempre, se quello in cui si confida, non funziona come si era sperato, prima di cercare delle alternative ed ammettere i propri errori, si incolpa l’altro, il diverso e lo si fa apparire come sbagliato e pericoloso.”

    Non ci sono stati “errori” e i vaccini hanno funzionato: il numero di morti è sceso drasticamente dove sono stati usati adeguatamente. Solo che in così poco tempo non era ancora chiara la durata dell’effetto del vaccino e, attraverso studi, si è capito come gestire i richiami, richiami che ci sono per qualsiasi vaccino. Insomma la vittoria c’è stata, solo che voi cercate il pelo nell’uovo… un uovo che è costato tantissimo dal punto di vista scientifico e che però ha raggiunto in tempi brevissimi un successo immenso: migliaia di vite salvate.

    “In tutto ciò, vi siete mai chiesti chi è il diverso? Chi è il novax? Il no greenpass? Il no booster? È vero c’è chi ha teorie strane, c’è chi va con un braccio in silicone all’hub vaccinale, ma c’è anche chi dal covid è guarito e ha anticorpi altissimi e ne rischierebbe un sovraccarico come numerosi studi dimostrano. C’è chi ha patologie pregresse e ha dei dubbi, c’è chi ha gravi allergie e ha paura, perché l’esenzione viene rilasciata in casi molto molto particolari. C’è chi sa che il covid è una malattia pericolosa, ma che se curata, non è così grave e dopo due anni le cure ci sono. C’è chi sa che tutti quei ricoveri e morti, derivano da “tachipirina e vigile attesa”, unico protocollo utilizzato e mai cambiato, deciso dal ministro della Salute e per il quale ora è sotto inchiesta. Ci sono i familiari delle vittime che si sono fidati della scienza e ora si ritrovano senza un figlio, senza un marito o una moglie o amici.”

    Ecco, questo è tutto falso… e ritorna la leggenda della “tachipirina e vigile attesa” che chi la pronuncia non sa nemmeno cosa si intenda per “vigile attesa”. Lo sapete? No. Leggo poi spesso: “come molti studi dimostrano”… non esistono questi studi e se esistono dove sono i paper? E se non credete agli studi scientifici in generale com’è che poi invece alcuni sembrerebbero non essere colpiti dal male oscuro che controlla l’umanità? Ma poi di chi sono questi studi che nominate? Mi sapete dare il nome di una università? Il link a un paper? No.

    E poi accusare il mondo della medicina di aver ucciso e lasciato morire di covid qualcuno quando ci sono stati infermieri e dottori a morire di stanchezza negli ospedali… è veramente un atto spregevole. E ricordo che per ora nelle terapie intensive ci sono soprattutto no vax… e a causa loro molti altri moriranno perché avranno posti occupati da chi potenzialmente poteva non finirci… ma nonostante ciò, non vi preoccupate, saranno tutti curati al massimo delle possibilità e nessuno vi dirà di più di questa verità.

    “C’è chi ha fatto il siero, ma ha avuto reazioni avverse gravi e nella maggior parte dei casi è abbandonato dallo stato e dalle istituzioni mediche. C’è chi ha capito che il greenpass non è una misura sanitaria ma politica, perché a livello sanitario, a contrario di quanto detto, non garantisce nessuno. Si, mi direte, i benefici superano i rischi e probabilmente è anche vero, ma momentaneamente, perché voi stessi avete firmato che non si conoscono i danni a lungo termine. Quindi, forse sconfiggeremo il covid, ma a quale prezzo?”

    Le reazioni avverse ci sono e, come ogni bugiardino di qualsiasi medicina dice, possono accadere per svariati motivi e, come succede per qualsiasi nuovo farmaco in fase 4, non sappiamo con precisione assoluta cosa potrebbe accadere a lungo termine… però possiamo farne una stima statistica.

    Per ora abbiamo salvato migliaia di vite (migliaia di vite!) in Italia dopo aver perso in tutto il mondo più di 5 milioni di persone… (sempre che voi lo crediate ovviamente… perché poi diventa difficilissimo capire in cosa crediate e in cosa no… e soprattutto perché si e perché no…). A quale prezzo?

    Quello che sarà… siete certi che finirà veramente male? La scienza fa vaccini da più di un secolo, non andiamo alle cieca… e sappiamo che andrà con buona probabilità estremamente più bene che male… e con qualsiasi farmaco abbiamo sempre fatto così… solo che questi vaccini sono demonizzati da voi, è solo questa la differenza rispetto ad altri farmaci che non vi hanno fatto scendere in piazza solo perché non vi toccavano direttamente…

    “Nel 2021 dove tutti lottano per essere liberi di potersi esprimere e combattono la discriminazione, è normale essere così ipocriti e non accorgerci che anche questa lo è? Se combattiamo una forma di discriminazione, dovremmo combattere per la discriminazione in generale o quanto meno accorgerci di quando viene applicata e fare di tutto per contrastarla. All’inizio dicevamo che alla fine ne saremmo usciti migliori. Beh, vedendo come vanno le cose, credo che la fine sia lontana.”

    Un fumatore non è discriminato se è costretto a fumare fuori dai locali o in stanze predisposte: è una faccenda di salute pubblica. La discriminazione c’è quando c’è di mezzo la dignità umana, ma non è questo il caso perché con le restrizioni si cerca di tutelare quella dignità che scompare quando una persona diventa malata.

    E comunque ne stiamo uscendo migliori: la collaborazione scientifica mondiale è estremamente migliorata, in futuro pagare per avere dei paper sarà più difficile e la scienza andrà molto più spedita al netto di apocalissi climatiche(…) e guerre per i combustibili fossili, unici veri problemi che dovremmo guardare invece di perderci in nevrosi d’ansia intellettualizzate a causa dello stress dovuto alla pandemia. Un consiglio? Non decifrate la realtà spinti da un bias di conferma, non scegliete in base a un cherry picking. Per comprendere i fatti ci vogliono delle prove, non delle opinioni o poche informazioni verso le quali ponete la vostra fiducia per “fideismo”.

    Deve esistere un metro per comprendere se un informazione può essere più probabilmente vera di un’altra… e questo metro non può essere conseguenza solo dei nostri sentimenti o dei nostri dubbi. Cercate delle prove, delle prove vere! Nella scienza “è vero” ciò che ha superato più studi in assoluto… credete che una cura alternativa sia più valida? Dovete dimostrare che la maggior parte degli studi porta verso quella direzione… avete questa certezza?

    E poi “Il complottismo”… credete veramente che i “pro vax” siano tutti scemi e non credano che nel mondo ci siano subdoli e pericolosi verticismi? Ci sono! Ma non sono per forza di cose collegati alla pandemia o alle scelte sanitarie che sono state adottate in nome di questo problema! Dite che invece è tutto collegato? Dove sono le prove? Non le avete… e un mondo dove si sceglie senza avare delle sicurezze, senza reali prove di nulla, è un mondo infernale molto più pericoloso della distopia in cui credete!

  5. Grazie Caterina,
    per aver avuto il coraggio di mettere nero su bianco, con tono pacato e di facile comprensione, quello che è anche il mio pensiero, da molti mesi ormai.
    Non fermarti, a testa alta, sempre.

      1. credo che la prima risposta che ho inviato sia stata bloccata, mi è tornato il messaggio come spam, riprovo senza link attivi…
        Complimenti a Caterina,
        per il lucido e pacato resoconto di questa incomprensibile allucinazione: comprimere diritti e libertà per il bene collettivo in nome di una scienzah che finora ha declinato qualsiasi confronto e che ogni tre giorni contraddice la versione precedente senza che (quasi) nessuno lo evidenzi…ma pare che il vento stia cambiando, per il momento almeno nel resto del mondo.
        e a Tiziano l’invito a guardare anche film diversi da quelli prodotti dalla solita cabina di regia; le prove ci sono tutte, le stanno presentando da tempo illustri scienziati, che prima di esporre le loro tesi dimostrano la loro mancanza di conflitti di interesse, ma purtroppo, almeno finora
        NON VENGONO ASCOLTATI!
        Hanno potuto parlare, con interventi chiari e comprensibili anche a gente comune, hanno presentato dati inconfutabili ma …NON E’ SUCCESSO NULLA!
        Dopo vari tentativi di dialogo portati avanti individualmente (vedi date e link di seguito –se si vuole cercare di capire si deve almeno provare a farlo ascoltando varie tesi) lo scorso 20 novembre è stata presentata alla stampa una Commissione medico-scientifica indipendente composta da medici e professori uniti allo scopo di promuovere un dialogo aperto e pacato con il Governo e con il CTS sulle strategie di contrasto adottate contro il Covid-19. Il tutto in una cornice dialettica fondata sulle evidenze scientifiche, libera da ogni condizionamento e finalizzata al benessere della popolazione.
        La Commissione è costituita da sei componenti: il dottor Alberto Donzelli, il professor Paolo Bellavite, il professor Marco Cosentino, il professor Giovanni Frajese, la dottoressa Patrizia Gentilini e il dottor Eugenio Serravalle.
        Alle ripetute richieste di incontro né CTS ne Governo hanno dato risposta.
        Si è tenuto a Roma il 3 e 4 gennaio il convegno scientifico “PANDEMIA: invito al confronto” a cui sono stati invitati CTS e Governo, ma forse tutti avevano altri impegni ALTROVE!
        PANDEMIA – invito al confronto – PRIMA PARTE – 3 GENNAIO https://www.youtube.com/watch?v=fVesUgjL_HM
        PANDEMIA – invito al confronto – SECONDA PARTE – 3 GENNAIO https://www.youtube.com/watch?v=tfok1wVK4QE
        PANDEMIA – invito al confronto – PRIMA PARTE – 4 GENNAIO https://www.youtube.com/watch?v=TOomXjy_TGw
        PANDEMIA – invito al confronto – SECONDA PARTE – 4 GENNAIO https://www.youtube.com/watch?v=Z7O5WlSvoi4

        07/12/2021- Dott. Alberto Donzelli – In Commissione Affari costituzionali, al Senato il 7 Dicembre2021, si è svolta l’audizione del Dott. Alberto Donzelli in merito al ddl 2463 (d-l 172/2021 – obblighi vaccinali e rafforzamento https://www.youtube.com/watch?v=mTznuPCQBZM
        07/12/2021 – Prof. Paolo Bellavite, In Commissione Affari costituzionali, al Senato il 7 Dicembre2021, si è svolta l’audizione del Prof. Paolo Bellavite in merito al ddl 2463 (d-l 172/2021 – obblighi vaccinali e rafforzamento certificazioni https://www.youtube.com/watch?v=f8xO1_BQj-0
        17/12/2021 Dott. Giovanni Frajese-intervento al Senato “I dati scientifici non sono opinioni” https://www.youtube.com/watch?v=SXEsFFUbids
        27/07/2021 Giovanni Frajese Endocrinologo e prof. Universitario – Audizione Senato – “Ecco perché non vaccinerò mia figlia…”https://www.youtube.com/watch?v=ZsVegNoiTgM
        La7 L’aria che Tira – Il professor Frajese asfalta il collega di studi Sileri: “Fra 5 e 11 anni questo vaccino è ancora in sperimentazione” https://www.facebook.com/gianluigi.paragone/videos/il-professor-frajese-asfalta-sileri-fra-5-e-11-anni-questo-vaccino-%C3%A8-ancora-in-s/2006929249489898/
        07/10/2021 Prof. Marco Cosentino in Senato – Il greenpass non tutela salute e sicurezza https://www.youtube.com/watch?v=BSRsLr_OpVw
        05/08/2021 Conferenza stampa alla Sala Nassiriya del Senato sulle terapie domiciliari dei pazienti affetti da Covid-19, unico relatore sui contenuti medici è stato il Dottor Alberto Donzelli, coordinatore del Comitato scientifico della fondazione Allineare Sanità e salute. https://www.youtube.com/watch?v=5xoTw_E4Q6w
        (Si è trattato in realtà di un aggiornamento della proposta già presentata nell’aprile scorso https://www.sanitainformazione.it/wp-content/uploads/2021/04/Terapia-domicliare-Covid.pdf )

        Buona Vita, ragazzi e il consiglio di un metodo appreso in ambito lavorativo: non inutili lamentele ma “decisioni basate su dati di fatto e supportate da riscontri oggettivi”.

    1. Complimenti a Caterina,
      per il lucido e pacato resoconto di questa incomprensibile allucinazione: comprimere diritti e libertà per il bene collettivo in nome di una scienzah che finora ha declinato qualsiasi confronto e che ogni tre giorni contraddice la versione precedente senza che (quasi) nessuno lo evidenzi…ma pare che il vento stia cambiando, per il momento almeno nel resto del mondo.
      E a Tiziano l’invito a guardare anche film diversi da quelli prodotti dalla solita cabina di regia; le prove ci sono tutte, le stanno presentando da tempo illustri scienziati, che prima di esporre le loro tesi dimostrano la loro mancanza di conflitti di interesse, ma purtroppo, almeno finora
      NON VENGONO ASCOLTATI!
      Hanno potuto parlare, con interventi chiari e comprensibili anche a gente comune, hanno presentato dati inconfutabili ma …NON E’ SUCCESSO NULLA!
      Dopo vari tentativi di dialogo portati avanti individualmente (vedi date e link di seguito –se si vuole cercare di capire si deve almeno provare a farlo ascoltando varie tesi) lo scorso 20 novembre è stata presentata alla stampa una Commissione medico-scientifica indipendente composta da medici e professori uniti allo scopo di promuovere un dialogo aperto e pacato con il Governo e con il CTS sulle strategie di contrasto adottate contro il Covid-19. Il tutto in una cornice dialettica fondata sulle evidenze scientifiche, libera da ogni condizionamento e finalizzata al benessere della popolazione.
      La Commissione è costituita da sei componenti: il dottor Alberto Donzelli, il professor Paolo Bellavite, il professor Marco Cosentino, il professor Giovanni Frajese, la dottoressa Patrizia Gentilini e il dottor Eugenio Serravalle.
      Alle ripetute richieste di incontro né CTS ne Governo hanno dato risposta.
      Si è tenuto a Roma il 3 e 4 gennaio il convegno scientifico “PANDEMIA: invito al confronto” a cui sono stati invitati CTS e Governo, ma forse tutti avevano altri impegni ALTROVE!
      PANDEMIA – invito al confronto – PRIMA PARTE – 3 GENNAIO https://www.youtube.com/watch?v=fVesUgjL_HM
      PANDEMIA – invito al confronto – SECONDA PARTE – 3 GENNAIO https://www.youtube.com/watch?v=tfok1wVK4QE
      PANDEMIA – invito al confronto – PRIMA PARTE – 4 GENNAIO https://www.youtube.com/watch?v=TOomXjy_TGw
      PANDEMIA – invito al confronto – SECONDA PARTE – 4 GENNAIO https://www.youtube.com/watch?v=Z7O5WlSvoi4

      07/12/2021- Dott. Alberto Donzelli – In Commissione Affari costituzionali, al Senato il 7 Dicembre2021, si è svolta l’audizione del Dott. Alberto Donzelli in merito al ddl 2463 (d-l 172/2021 – obblighi vaccinali e rafforzamento https://www.youtube.com/watch?v=mTznuPCQBZM
      07/12/2021 – Prof. Paolo Bellavite, In Commissione Affari costituzionali, al Senato il 7 Dicembre2021, si è svolta l’audizione del Prof. Paolo Bellavite in merito al ddl 2463 (d-l 172/2021 – obblighi vaccinali e rafforzamento certificazioni https://www.youtube.com/watch?v=f8xO1_BQj-0
      17/12/2021 Dott. Giovanni Frajese-intervento al Senato “I dati scientifici non sono opinioni” https://www.youtube.com/watch?v=SXEsFFUbids
      27/07/2021 Giovanni Frajese Endocrinologo e prof. Universitario – Audizione Senato – “Ecco perché non vaccinerò mia figlia…”https://www.youtube.com/watch?v=ZsVegNoiTgM
      La7 L’aria che Tira – Il professor Frajese asfalta il collega di studi Sileri: “Fra 5 e 11 anni questo vaccino è ancora in sperimentazione” https://www.facebook.com/gianluigi.paragone/videos/il-professor-frajese-asfalta-sileri-fra-5-e-11-anni-questo-vaccino-%C3%A8-ancora-in-s/2006929249489898/
      07/10/2021 Prof. Marco Cosentino in Senato – Il greenpass non tutela salute e sicurezza https://www.youtube.com/watch?v=BSRsLr_OpVw
      05/08/2021 Conferenza stampa alla Sala Nassiriya del Senato sulle terapie domiciliari dei pazienti affetti da Covid-19, unico relatore sui contenuti medici è stato il Dottor Alberto Donzelli, coordinatore del Comitato scientifico della fondazione Allineare Sanità e salute. https://www.youtube.com/watch?v=5xoTw_E4Q6w
      (Si è trattato in realtà di un aggiornamento della proposta già presentata nell’aprile scorso https://www.sanitainformazione.it/wp-content/uploads/2021/04/Terapia-domicliare-Covid.pdf )

      Buona Vita, ragazzi e il consiglio di un metodo appreso in ambito lavorativo: non inutili lamentele ma “decisioni basate su dati di fatto e supportate da riscontri oggettivi”.

    2. Grazie, Caterina, per la tua lettera. Effettivamente, ferma e fa riflettere (chiaramente chi è capace di riflettere).
      Simpatico il commento di Tiziano che ha fatto una “vivisezione” accurata dell’articolo, chissà come mai : )
      Personalmente non sono ne “novax” ne “provax”. Come tutte le cose anche i vaccini devono essere usati con la testa. Tutti i componenti “deboli” della mia famiglia sono vaccinati, così come quelli più resistenti o in crescita non lo sono (condanno la vaccinazione dei bambini ed i ragazzi con dei vaccini che hanno meno di 2 anni di vita con delle conseguenze a lungo andare completamente sconosciute: non ci sono studi che dimostrino la loro pericolosità, così come non ci sono quelli che dimostrino la totale innocuità).
      Lo stato ha applicato delle azioni necessarie per salvare la popolazione, specialmente all’inizio della pandemia. Ma poi è andato un pò oltre (inutile ripetere qui le informazioni che sono libere sia sull’efficacia ed il funzionamento del vaccino, che sulle decisioni che si stanno prendendo nei vari stati del mondo). Perché è successo non lo sapremo mai, dunque, in qualche modo i miliardi che girano attualmente nelle industrie farmaceutiche c’entrano? Non è la divisione dei territori se alcuni vaccini vengono riconosciuti in alcune regioni del mondo e vice versa?
      Contesto chiaramente l’istigazione all’odio tra le persone e alla paura. Per gli interessi di qualcuno si tende a creare dei contrasti assurdi.
      Uno stile di vita sano rafforza le difese immunitarie naturali : ) Auguro la salute fisica e mentale a tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.